Il Canzoniere - scritto in lingua volgare - Francesco Petrarca

La raccolta comprende 366 componimenti: 317sonetti, 29 canzoni, 9 sestine, 7 ballate e 4 madrigali. Non raccoglie tutti i componimenti poetici del Petrarca, ma solo quelli che il poeta scelse con grande cura; altre rime andarono perdute o furono incluse in altri manoscritti. La maggior parte delle rime del Canzoniere è d'argomento amoroso, una trentina sono di argomento morale, religioso o politico.
Tutta l'opera di Petrarca è caratterizzata dal dissidio interiore e dalla centralità dell 'io che, cosciente di se stesso e del mondo, si riconosce limitato, debole nella volontà, fin troppo allettato dalle materialità come l'amore, la gloria e la ricchezza, iscritto in un destino di fragilità dominato fin dalla nascita dalla Morte.
In tutto ciò l'uomo riconosce come "colpa" gli oggetti dei suoi desideri (la donna, la sensualità e la fama), di qui il dissidio, la disarmonia tra la moralità della sua vita e l'aspirazione al puro, al divino, il pentimento ed il proposito di riscatto.
La lirica del Canzoniere, dedicato a Laura, la donna realmente amata ma qui figura in dissolvenza, apparizione, non descritta fisicamente, evocata come l'aura o il lauro, donna- angelo nei cui confronti il poeta resta estasiato in contemplazione, presenta un paradigma di luoghi poetici come il rapporto di comunione e dialogo con la natura e con la solitudine (ora ricercata, ora fuggita), la presenza femminile (talvolta benevola come una madre, talvolta sublimata in creatura celeste), ed il rapporto amoroso in cui l'uomo da un lato soffre il travaglio della passione e l'attrazione della carne e dall'altro esalta la castità dell'oggetto amato.
Comunque sempre ripiegato in se stesso, l'io dolente s'interroga, riflette sul tempo, sulla morte e sulla vanità dell'uomo e delle cose, oppresso dall'incombente caducità.
Il tema principale del Canzoniere è l'amore per Laura, ma si potrebbe anche intendere come il desiderio di gloria del poeta poiché il nome Laura si può intendere anche come L'aura, cioè la gloria, poiché con un rametto di lauro viene incoronato il sommo poeta. A differenza del dolce stil novo, in cui il protagonista è lo stato d'animo, in Petrarca è il conflitto interiore del poeta, diviso tra i fini materiali della vita (amore e gloria) e aspirazione al misticismo in Dio. Al contrario della Beatrice di Dante, infatti, Laura non è la donna-angelo veicolo tra il poeta e Dio, ma non è che una nobilissima creatura terrena (in "Erano i capei d'oro a l'aura sparsi" viene addirittura descritta da vecchia), e pertanto l'amore verso di lei allontana dalla fede in Dio.La figura di Laura non è descritta dettagliatamente, ma è semplicemente tratteggiata attraverso i topoi della bellezza proveniente dallo stilnovismo ("bionda", "occhi luminosi come un lago", "capelli d'oro", "viso di perla", "voce soave"), per questo essa in "Chiare fresche e dolci acque" "pare", cioè appare, non è quindi reale. Tutta questa esperienza si conclude con la richiesta di perdono a Dio per questo "giovenile errore", e anzi nella lettera ai posteri Petrarca ringrazia che Dio gli abbia tolto Laura (muore nel 1348) così da permettergli di riprendere a camminare sulla via che porta a Lui.