Accademia dell'Arcadia

image_preview.jpeg
















L'Accademia d'Arcadia viene fondata nel 1690 a Roma, da parte di un gruppo di letterati -
Gian Vincenzo Gravina e Giovanni Mario Crescimbeni - che promossero,
con l'appoggio della Curia romana, l'antibarocchismo e la restaurazione classicistica.
Il classicismo a cui essi si rifanno è soprattutto quello di Petrarca, ma anche quello di Poliziano e Lorenzo il Magnifico.
Il programma letterario prevedeva un vero e proprio culto della vita pastorale:
ogni letterato assumeva un nome pastorale greco; aveva un simbolo distintivo
(la siringa di Pan circondata da lauro), e il luogo delle riunioni veniva chiamato Bosco Parrasio,
in onore del monte Parnaso.
L' Arcadia era una regione greca sede del monte Parnaso sacro alle Muse.

I caratteri letterari dell'Accademia furono frutto del confronto tra due dei fondatori, Gravina e Crescimbeni.
- Il primo vedeva nell'Accademia il centro promotore di un rinnovamento non solo letterario, ma anche culturale. Questo grandioso progetto era sostenuto dalla sua concezione della poesia come veicolo rivelatore di verità essenziali. Propose come modelli letterari Omero e Dante.
- Il programma di Crescimbeni invece era decisamente più equilibrato e puntava a una più semplice “restaurazione” del barocco . Crescimbeni puntava a raggiungere un certo classicismo, presente in Petrarca.
Ma la riflessione razionalistica più interessante è quella di Gravina.

Nel trattato Della ragion poetica (1708) Gravina riconosce alla poesia il carattere della "finzione" fantastica e il potere di comunicare a tutti (persino alle "menti volgari") le verità più nascoste. La poesia diventa una "maga, ma salutare, e un delirio che sgombra le pazzie".
La sapienza è occulta; le favole sono le maschere storiche attraverso le quali la verità assoluta si manifesta nella comunicazione sociale: la poesia assume un forte ideale di funzione civile.
Alla fine, prevalse il programma di Crescimbeni, dal momento che anche gli altri membri avevano come obiettivo l’elaborazione di una nuova poesia classicheggiante, semplice e aggraziata e le idee di Gravina non furono mai accettate dall'Arcadia ed egli, deluso, si chiuse in un rigido classicismo.