Accademia dei Lincei "Sagacius ista"
external image mHGui78SrCDUEnCOl7cSbYV0C5poAwpNV5EJt-e-lN0AQErRW1iJ2oJ7TG6b804Ew6R-bj9V5Sv0FOPk_mBUfcj5QDS5TQNOIujcSpV2RYMfDptLRgsDoiStRQ

L’Accademia dei Lincei nacque a Roma da un'idea di Federico Cesi, che il 17 agosto 1603, fece riunire nel palazzo di famiglia (in via della maschera d'Oro) i suoi amici Anastasio de Filiis, Francesco Stelluti e Johannes Van Heeck. Insieme sottoscrivono un Albo e adottano come emblema una lince con il motto Sagacius ista. Si proclamano "discepoli della natura al fine di ammirarne i portenti e ricercarne le cause". Lo scopo principale dei quattro giovani era di promuovere la rinascita degli studi naturalistici, la cui decadenza era secondo loro dovuta principalmente al preminente carattere erudito e antiquario delle accademie del tempo e all’irrigidimento dell’insegnamento aristotelico dominante nelle università. Nel verbale della prima riunione dell'Accademia, il Primum Consilium Linceorum, Cesi redige i termini e gli incarichi della collaborazione lincea, prescrivendo con severità le norme di ammissione dei soci, gli scopi e le modalità di svolgimento dell’attività accademica. La vera essenza ideologica del sodalizio linceo è espressa nel Lynceographum, l'ampio statuto programmatico del giovane nobile, ripetutamente sottoposto al giudizio e alle correzioni degli altri "fratelli". Il 25 dicembre dello stesso anno ha luogo l'inaugurazione solenne dell'Accademia, con una cerimonia nella quale Cesi, eletto Princeps perpetuo, consegna a ciascun affiliato una collana d'oro con un pendente a forma di lince, in seguito sostituita da un anello di smeraldo. L'attività dell'Accademia dura tuttavia pochi mesi: le riunioni dei lincei iniziano a essere sorvegliate e infine vengono proibite a casa del duca. Infatti, il medico olandese Van Heeck, fuggito dai Paesi Bassi per le persecuzioni calviniste, era visto malamente dal padre di Federico, che lo considerava un personaggio pericoloso, stravagante e sospetto di eresia. Il padre di Cesi denuncia il medico al Santo Uffizio e alla fine riesce a farlo allontanare da Roma e poi dall'Italia. I rapporti tra il principe linceo e i suoi compagni continueranno anche a distanza, grazie a un intenso rapporto epistolare, attraverso il quale verranno gettate le linee programmatiche delle attività del sodalizio che nel giro di un anno rinascerà più forte e consolidato di prima.
L’Accademia contò 35 membri, dei quali 8 stranieri, in ossequio al carattere internazionale del sodalizio, nel cui progetto originario era contemplata la fondazione di sedi accademiche dette Licei, dislocate in tutta Europa. L’unico Liceo di cui si riuscì ad avviare il funzionamento fu però quello di Napoli, legato alla figura di G.B. Della Porta. Nel 1611 Cesi volle ascrivere ai Lincei Galileo Galilei, con il quale l’Accademia condivise la battaglia per l’affermazione del copernicanesimo. La proibizione della teoria eliocentrica intervenuta nel 1616 da parte del Sant’Uffizio e il conseguente deterioramento dei rapporti tra Galilei e la Chiesa non dissuasero i Lincei dal proseguire nel rinnovamento delle indagini sulla struttura dei cieli. Nel 1623 l’Accademia pubblicò e offrì al nuovo pontefice Urbano VIII, dal quale sperava un atteggiamento più favorevole alla nuova astronomia, Il Saggiatore, dedicato alla questione della natura delle comete. I L. recarono contributi significativi anche in altre discipline, particolarmente nella classificazione delle specie vegetali.
La prematura scomparsa di Cesi (1630) portò all’interruzione, dopo il 1650, dell’attività dei Lincei. Dopo due riprese intervallate da diversi anni l'Accademia fu chiusa. Nel 1874 fu costituita la Regia accademia nazionale dei L., la cui presidenza fu tenuta da Sella fino alla morte, nel 1884. Nel 1883 il governo italiano acquistò per l’Accademia il palazzo Corsini, che ospita ancora oggi la Biblioteca Corsiniana, dono ai L. del principe Tommaso Corsini, e alla quale è unita la Biblioteca Accademica, ricca di periodici e atti di società scientifiche di tutto il mondo. Un nuovo statuto, approvato nel 1934, impose ai soci il giuramento di fedeltà al fascismo restringendo notevolmente l’autonomia accademica, finché, nel 1939, i Lincei furono fusi d’autorità con l’Accademia d’Italia, che era stata istituita nel 1926. Caduto il regime fascista, venne soppressa l’Accademia d’Italia, su suggerimento di Benedetto Croce, e ricostruita quella dei Lincei.
L’Accademia dei Lincei si compone oggi di 540 membri di tutte le nazionalità, divisi nelle due classi di scienze fisiche, matematiche e naturali e di scienze morali, storiche e filologiche, ripartiti in diverse categorie, comprendenti 180 soci nazionali, 180 soci corrispondenti e 180 soci stranieri, tutti eletti per libera cooptazione. L’Accademia pubblica gli Atti di ciascuna classe (Rendiconti e Memorie, le Notizie degli scavi di antichità, gli Atti dei convegni L., i Classici greci e latini ecc.) e assegna annualmente un gran numero di premi culturali e scientifici, fra i quali il premio del presidente della Repubblica e i premi Feltrinelli.